2 dirigenti medici presso l'AZIENDA SANITARIA LOCALE «CITTA' DI TORINO» - TORINO

Luogo: 
Posti disponibili: 
2
Scadenza: 
20/05/2018
Attenzione, concorso scaduto!
Tipo: 
Cittadinanza: 
Contratto: 
Titolo di studio: 

Conferimento di un incarico quinquennale di direttore di struttura complessa Assistenza sanitaria penitenziaria e di direttore di struttura complessa Ostetricia ginecologia 3 dell'Ospedale Martini. (GU n.32 del 20-04-2018)

Requisiti: 
a) cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei paesi dell’Unione Europea. Ai sensi dell’art. 38 del D.Lgs 165 del 30.03.2001, come modificato dall’art. 7 della Legge 6.8.2013 n. 97, possono accedere ai pubblici impieghi i familiari dei cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ed i cittadini di Paesi Terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria. I cittadini di uno dei Paesi dell’Unione Europea o di Paese terzo devono comunque essere in possesso dei seguenti requisiti: − godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza; − possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica; − adeguata conoscenza della lingua italiana; b) idoneità fisica all’impiego. L'accertamento della idoneità fisica all'impiego - con osservanza delle norme in tema di categorie protette - è effettuato a cura dell’Azienda Sanitaria Locale prima dell’immissione in servizio. Il personale dipendente da pubbliche amministrazioni ed il personale dipendente da istituti, ospedali ed enti di cui agli artt. 25 e 26, comma 1, del D.P.R. 761/79 é dispensato alla visita medica; c) iscrizione al relativo Albo Professionale; d) anzianità di servizio in qualità di Dirigente Sanitario del Servizio Sanitario Nazionale di almeno sette anni e aver maturato per almeno cinque anni una specifica esperienza nei servizi territoriali e un’adeguata formazione nella loro organizzazione, oppure essere medico convenzionato (medico di medicina generale o pediatra di libera scelta), ai sensi dell’art. 8, comma 1, del D.Lgs. 502/1992 e s.m.i, da almeno 10 anni. L’anzianità di servizio utile deve essere maturata presso amministrazioni pubbliche, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, istituti o cliniche universitarie. E’ valutato il servizio non di ruolo a titolo di incarico, di supplenza o in qualità di straordinario, ad esclusione di quello prestato con qualifiche di volontario, di precario, di borsista o similari, ed il servizio di cui al settimo comma dell’articolo unico del D.L. 23.12.78, n. 817, convertito con modificazioni nella Legge 19.12.79, n. 54. Nei certificati di servizio devono essere indicate le posizioni funzionali o le qualifiche attribuite, le discipline nelle quali i servizi sono stati prestati, nonché le date iniziali e terminali dei relativi periodi di attività. e) curriculum ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. 484/97 in cui sia documentata una specifica attività professionale ed adeguata esperienza ai sensi dell’art. 6 del D.P.R. stesso. La specifica attività professionale e l’adeguata esperienza dovrà essere obbligatoriamente comprovata da apposita dichiarazione, così come previsto dall’art. 6 del D.P.R. 484/97 e precisamente: “le casistiche devono essere riferite al decennio precedente alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dell'avviso per l'attribuzione dell'incarico e devono essere certificate dal direttore sanitario sulla base della attestazione del dirigente di secondo livello responsabile del competente dipartimento o unità operativa della unità sanitaria locale o dell'azienda ospedaliera ”; f) attestato di formazione manageriale. Fino all’espletamento del primo corso di formazione manageriale, l’incarico di direzione di struttura complessa è attribuito senza il suddetto attestato, fermo restando l’obbligo di acquisizione espresso dall’art. 5, comma 1, lettera d) del decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre 1997, n. 484, con le modalità indicate nell’art. 15, 8° comma e dell’ art. 16 quinquies del D.Lgs. 229/99; g) versamento di un contributo di 10,00 euro (in nessun caso rimborsabile) per la partecipazione alle spese di espletamento delle procedure selettive. Il versamento deve essere effettuato: sul conto corrente intestato a A.S.L. CITTA’ DI TORINO presso la Banca Intesa San Paolo Agenzia 20 Via Cimarosa n. 87 – 10154 Torino - IBAN IT 28 Y 03069 01020 100000046260 - BIC/SWIFT BCITITMM (SOLO PER ACCREDITI DALL’ESTERO). Nello spazio riservato alla causale deve essere indicato: “Contributo incarico direzione struttura complessa (seguito dal nome della struttura)”
Dove va spedita la domanda: 
https://aslcittaditorino.iscrizioneconcorsi.it/
Contatta l'ente: 
Ufficio Concorsi dalle ore 10.00 alle ore 12.00 dei giorni feriali - Tel. 011/5662363 –5662273
Prove d'esame: 
La valutazione del colloquio con l’attribuzione del relativo punteggio, è diretta: - alla valutazione delle capacità professionali del candidato nella disciplina con riferimento anche alle esperienze professionali maturate e documentate nel curriculum - all’accertamento delle capacità gestionali, organizzative e di direzione, con riferimento all’incarico da svolgere.

Concorsipubblici.com consiglia

Vuoi avere notifiche dei prossimi concorsi?
Registrati gratuitamente