Le riviste on-line non sono responsabili dei commenti diffamatori dei lettori

l direttore dell'edizione on-line di un periodico non è responsabile per i post diffamatori lasciati dai lettori. Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con la sentenza numero 44126 del 29 novembre 2011 ha assolto l’ex direttore dell’edizione elettronica dell’Espresso Daniela Hamaui con la seguente motivazione: “Impossibile impedire preventivamente la pubblicazione di commenti diffamatori“. La Corte di cassazione nega infatti la possibilità di estendere alle pubblicazioni on-line quanto previsto per le pubblicazioni su carta, ribadendo quanto avevano già stabilito con la decisione n.35511 del 16 luglio 2010, e cioè che la stampa via Internet non può ricadere nel raggio d’azione della legge 47/1948 (disposizioni sulla stampa), in caso del reato di diffamazione previsto dall’articolo 57 del codice penale.

Scritto da LeggiOggi, il 30-11-2011
LinkConsiglia







Collabora

ZioBudda.net sta crescendo sempre di più, ma mi serve una mano per portare avanti i progetti e per rendere il sito sempre più bello e pieno di informazioni.






Si ringrazia:

Unbit.it Cybernetic.it website counter